Senza categoria

Famosi designer di scarpe

Storia e prodotti dei famosi designer di scarpe con racconti e curiosità nei particolari.

I racconti dei più grandi designer di scarpe con focus sul prodotto e origine della scarpa.

ALAIN TONDOWSKI

ALAIN TONDOWSKI.
Stilista francese di calzature, nato nel 1968 di nome e famiglia polacca, frequenta i corsi dello Studio Bercot di Parigi, prima di disegnare la collezione di STEPHANE KE’LIAN nel 1989. L’anno seguente entra da Dior, dove rimane fino al 1994.
Lancia la propria linea di scarpe nel 1997 e lavora esclusivamente alle proprie collezioni a cominciare dal 2003.
Grazie all’incontro con un artigiano calzaturiero italiano, decide nel 2014, di lanciare la sua personale linea di SCARPE LUXURY.
La produzione e’ interamente Made in Italy, fatta da un’azienda del Riviera del Brenta, il quartiere storico specializzata nella produzione di calzature di pregio.

ALBERTO ZAGO

ALBERTO ZAGO, una azienda calzaturiera italiana fondata nel 1965 da Luigi Zago, .

Prende il nome da suo figlio Alberto che e’ l’attuale amministratore delegato.

POLLINI

ARMANDO POLLINI, e’ nato a Vigevano nel 1935.
L’attività di Pollini iniziò nel 1953 a San Mauro Pascoli, piccolo paese dell’entroterra romagnolo.

In breve tempo il brand acquistò fama e notorietà dando inizio ad una produzione su scala industriale che aprì le porte anche al mondo delle borse. Le sue scarpe in stretch di stile minimalista hanno grande successo negli anni ’90, e il più importante giornale di moda calzaturiera degli USA lo definisce “the King of elast”.

La crescita del brand continuò vertiginosamente e nel 2000 venne acquisito dal prestigioso Gruppo del lusso AEFFE. Pollini iniziò così a realizzare gran parte delle collezioni di accessori dei marchi appartenenti al Gruppo (Alberta Ferretti, Philosophy, Moschino, Moschino Cheap and Chic e Love Moschino).

Nel 2010 il talentuoso stilista inglese Nicholas Kirkwood è diventato Direttore Creativo portando avanti un progetto di innovazione stilistica pur conservando i valori artigianali ed i materiali pregiati.

BALLY

BALLY

Tutto comincia nel 1847 quando Carl Franz Bally e suo fratello rilevano la fabbrica di nastri elastici e bretelle.

Nel 1850 Carl Franz Bally si reca a Parigi per un viaggio di lavoro dove resta affascinato da un paio di babbucce finemente decorate. Ne porta con se diversi modelli per sua moglie e, rientrato in Svizzera, raduna i calzolai locali, dando così avvio in modo pionieristico, alle tecniche della prima produzione calzaturiera.

Nel 1851 Carl, insieme al fratello, fonda la “Bally & Co.”

Nel 1942, la residenza di C.F. Bally, “zum Felsgarten”, si trasforma nel “The Bally Shoe Museum”.

Dal 1976 Bally si espande nel settore dell’abbigliamento, delle borse da donna e altri accessori in pelle.

Nel 2001 Bally celebra il suo 150° anniversario.

MANOLO BLAHNIK

MANOLO BLAHNIK

Designer di culto e fornitore del jet-set internazionale, ‪#‎Manolo‬ Blahnik, nato a a Santa Cruz de la Palma nelle Isole Canarie da padre ceco e madre spagnola nel 1942.

È il 1971 quando visita New York con un book di disegni e scenografie che mostra a ‪#‎Diana‬ Vreeland, l’allora direttrice di ‪#‎Vogue‬ USA, che affascinata dallo schizzo di una scarpa fantastica, gli suggerisce: “Go makes shoes”.

Apre il suo primo negozio nel lontano 1973 a Londra nel quartiere di Chelsea. Da allora il cammino di questo designer è stato tutto in ascesa, consacrandolo nel mondo come uno dei migliori stilisti di calzature di tutti i tempi.

La scarpa di lusso più glamour del globo viene costruita, pezzo dopo pezzo, alle porte di Vigevano, nel distretto meccano-calzaturiero.

“Se Dio volesse farci indossare solo scarpe basse, non avrebbe creato Manolo Blahnik”.

Fatteci sapere se anche per voi vale la famosa citazione di ‪#‎Carrie‬ del “Sex & the City”: “Prendetemi tutto ma non le mie Manolos”.

BATA

BATA

La Bata Shoe Company viene fondata da Thomas Bata nel 1894 a Zlin, ora nella Repubbloca Ceca.

Alle fine degli anni venti, usando metodi di produzione e macchinari americani, diventa la più grande azienda calzaturiera d’Europa.

Creatività’, innovazione di prodotto e ricerca di livelli sempre più alti in termini di qualità’ sono al centro della strategia di sviluppo prodotto Bata.

Nel 2009 viene inaugurato a Padova “L’European Shoe Innovation Centre” SICE. La nuova struttura si occupa di condurre ricerche nel campo dell’innovazione, dei nuovi materiali e del design rivolte alla tecnologia della calzatura.

2010 e’ l’anno del lancio di “Bata Children’s Program” di cui la strategia e’ affrontare le problematiche globali al livello locale, con l’aiuto dei volontari di Bata e in collaborazione con specialisti provenienti dal campo dell’educazione, della salute, del sostegno morale, dell’ambiente e dell’imprenditorialità’.

BIRKENSTOCK

BIRKENSTOCK

La famiglia tedesca Birkenstock produce scarpe dal 1774.
All’inizio del ventesimo secolo, con la produzione di scarpe che diventava sempre più industrializzata, Konrad sviluppò delle solette di gomma flessibile che potessero essere inserite all’interno di qualsiasi calzatura commerciale per creare un confortevole Fussbett, letteralmente un “letto per il piede”.

Quella delle calzature ortopediche è una tradizione molto consolidata in Germania e deve molta della sua fortuna alla passione di molti tedeschi per le lunghe camminate e all’esaltazione dei benefici di quest’attività fisica che nacque con la cultura termale ottocentesca.

Il modello più famoso di Birkenstock si chiama Arizona ed ha tomaia in Birko Flor e due fibbie in pelle; Altri modelli molto venduti e comodi sono Madrid,con fascia unica regolabile, plantare anatomico rivestito in soffice pelle e il modello Gizeh, una pianella infradito dotata di plantare anatomico rivestito in pelle e di un leggero fondo in EVA (etilvinilacetate).

GUCCI

GUCCI

Nel 1921, ‪#‎Guccio‬ Gucci (1881-1953) fonda un’azienda specializzata in prodotti in pelle e un piccolo negozio di valigeria nella nativa Firenze. Anche se la sua visione del marchio trae ispirazione da Londra e dal gusto raffinato della nobiltà inglese che aveva potuto conoscere quando lavorava all’Hotel Savoy, il suo obiettivo è unire questa elegante sensibilità alla maestria degli artigiani toscani.

A metà degli anni ’60, Gucci adotta il leggendario logo con le due G incrociate, creando un altro simbolo del fascino Gucci.

Il modello più noto, il ‪#‎mocassino‬ con morsetto metallico, copiato in tutto il mondo, ha attraversato indenne diversi decenni rimanendo sempre attuale.

D'ORSAY PUMP

LOUBOUTIN

Christian Louboutin e’ nato a Parigi nel 1964.

Partito dalla boutique di Parigi aperta nel 1992 e lanciata grazie all’incontro fortuito con Carolina di Monaco, oggi è arrivato alle 340mila paia di scarpe vendute ogni anno.

Louboutin si descrive come un feticista delle scarpe: racconta che all’inizio della sua carierà e’ stato inspirato dalle ballerine di cabaret per disegnare sgargianti calzature da palcoscenico.

La parte più’ sensuale del piede femminile, secondo Christian Louboutine’ l’arcata plantare. Le suole delle scarpe sono rosso lacca, indipendentemente dal colore della tomaia e i soprattacchi sono talvolta fatti in modo da lasciare impronte a forma di rosetta.

CASTANER

CASTANER

Nel 1927, Luis Castaner crea un piccolo laboratorio per la produzione di alpargatos ( espadrillas).
Nei primi anni settanta, le scarpe di Lorenzo e Isabel Castaner, presenti a un salone parigino, vengono scoperte da ‪#‎Yves‬ Saint Laurent che ne commissiona versioni con tacco a zeppa per la sua etichetta.

Da allora, intellettuali, attori e artisti hanno scelto per anni le ‪#‎espadrillas‬Castañer come complemento imprescindibile del loro guardaroba.

Castaner, ha creato espadrillas anche per i grandi brand mondiali come #CHANEL, ‪#‎Dior‬, #Hermès, #Louis Vuitton e #Christian Louboutin.

 

CESARE PACIOTTI

PACIOTTI

Lo stilista ‪#‎Cesare‬ ‪#‎Paciotti‬ e’ nato a Civitanova Marche nel 1958.

Tutto comincia nel 1948, quando Giuseppe Paciotti crea un calzaturificio a Civitanova Marche per produrre una linea di scarpe maschili rifinite a mano con il marchio Paris. Suo figlio, Cesare studia al DAMS di Bologna e nel 1980, eredita dal padre la conduzione dell’azienda e comincia a produrre scarpe per Gianni Versace, Roberto Cavalli e Dolce & Gabbana.

Nel 1990 decide di ampliare la collezione dedicata alla donna fino ad allora limitata a pochi pezzi di taglio maschile. La sperimentazione di nuove tecniche produttive portano l’azienda ad investire nella ricerca di nuovi materiali e di nuove tipologie di prodotto; un risultato concreto di questa filosofia è la linea #Paciotti 4US, una linea unisex dedicata allo sport ed al tempo libero.

Oggi ci sono altri prodotti firmati Cesare Paciotti tra i quali una linea di gioielli realizzata in oro, argento e pietre preziose oltre ad una linea di occhiali.

MINNA PARIKKA

MINNA PARIKKA, la stilista finlandese e’ nata a Helsinki nel 1980.

Basta guardarle per capirne il perché: sono originali, divertenti, con un flair da grintosa pin up d’altri tempi che non guasta.
Una fusione di materiali, colori e creatività, una collezione per donne che non hanno paura di osare e vogliono esprimere la propria personalità.

Le sue creazioni hanno calzato i piedi delle donne di tutto il
mondo, incluse Lady Gaga, Paloma Faith e Dita Von Teese.
Per Minna le scarpe sono come un oggetto affascinante, anche se non indossate; “Devi permettere a te stessa di divertirti, un paio di scarpe può trascinarti verso nuove avventure. La vita è già tanto seria così: non puoi prendere troppo sul serio anche il tuo stile!”: esorta la shoe designer nelle interviste. Non si può che darle ragione.

JIMMY CHOO

JIMMY CHOO

JIMMY CHOO ha creato uno dei marchi di scarpe più apprezzati da star e non solo.

La storia della Maison inizia nel 1969 a Penang in Malesia, quando un giovanissimo Kee Choo Yin scopre la sua passione per il mondo delle calzature di pregio e decide di partire alla volta di Londra per ampliare ulteriormente le sue conoscenze sull’arte di fare scarpe.

Si diploma al Cordwainers College e al London College of Fashion nel 1989 e comincia a fare calzature su misura nei primi anni novanta. La sua cliente più’ famosa e’ la principessa Diana per la quale Choo crea innumerevoli paia di scarpe.

Nel 1990 entra in gioco Tamara Mellon, (Vogue editor) che riesce a portare il brand alla fama internazionale di cui gode tutt’oggi. Nel 1996, Choo lancia una linea di calzature industriali confezionate in Italia.

Nel 2003 ‪#‎Jimmy‬ ‪#‎Choo‬ viene insignito dell’Order of the British Empire per aver contribuito a fare di Londra il cuore mondiale del design.

LE SILLA

LE SILLA , e’ un marchio italiano di calzature di lusso da donna.
Fondato nel 1994 da Enio ‪#‎Silla‬, designer e proprietario dell’azienda e sua moglie Monica Ciabattini, nel ruolo di direttore creativo e brand manager.

Prodotte nella regione Marche sono un prodotto 100% Made in Italy. Modello icona Le Silla è la scarpa elegante con tacco alto a stiletto. Caratteristica dell’azienda è l’utilizzo di materiali naturali, pregiati e garantiti: raso di seta, camoscio, rettile, pietre e cristalli ‪#‎Swarovski‬.

Le scarpe LE SILLA si rivolgono ad una donna elegante, sofisticata ed eccentrica, che ama raccontare il proprio stile con lusso e bellezza, tutte caratteristiche che circondano lo charm della griffe.

CAR SHOE

CAR SHOE.

Nel 1963 Gianni Mostile, artigiano vigevano, brevetta un nuovo e rivoluzionario modello di calzatura.
Pellame delle migliori concerie europee, spago inglese e una suola montata su piccoli tasselli in gomma: leggero, comodo e resistente, questo mocassino diventa un must per gli automobilisti.

John Fitzgerald Kennedy, Aristotele Onassis, Gianni Agnelli, ma anche piloti di scuderie come Ferrari, Maserati, Lotus e Mercedes, hanno compreso la comodità di Car Shoe e deciso di portarle ai piedi e proprio all’enorme successo, riscontrato in questo settore, che l’azienda deve poi il suo nome, appunto Car Shoe.

Accanto a questi mocassini diventati icona, Car Shoe propone una gamma di nuovi modelli e una collezione di borse e accessori per uomo e per donna. Dal 2001 fa parte del gruppo PRADA.

STUART WEITZMAN

STUART WEITZMAN

‪#‎Stuart‬ ‪#‎Weitzman‬, e’ stata fondata nel 1986 dall’omonimo designer, e’ un’azienda leader nel settore calzaturiero di lusso e presente in Europa, America e Giappone.

Da oltre trent’anni il newyorchese Stuart Weitzman fa della sua passione una magia, come egli stesso afferma ” creo scarpe per rendere le donne felici”. Tutto inizia dall’infanzia, quando il piccolo Stuart si limitava ad osservare il lavoro del padre nell’azienda di calzature di famiglia.
Negli anni di College inizio’ a disegnare i primi modelli per il padre, trasformando suo hobby in una professione a tempo pieno.

Le creazioni Weitzman dal valore inestimabile, oltre al design, sempre unico ed innovativo, colpiscono per la varietà’ dei materiali. Sete pregiate, broccati, diamanti, rubini, platino e oro 24 carati, ma anche acciaio inox, cromo, sughero, bambù’ e plexiglas.

Nel 2007 , Weitzman lancia la prima collezione di borse e nel 2008 la prima collezione di scarpe per bambini.

CASADEI

CASADEI
Azienda fondata nel 1958 da Quinto e Flora Casadei in un piccolo laboratorio di San Mauro Pascoli a Cesena (Forlì).

Li’ i sig.ri Casadei hanno realizzato i primi sandali destinati ai turisti che frequentano la Riviera italiana. È il momento del boom economico e del miracolo del Made in Italy: in dieci anni, il laboratorio si trasforma in una piccola azienda altamente specializzata in calzature.

A oggi, la crescita del business si assesta a un +20% annuo. Nonostante la recessione, poi, il mercato italiano continua a crescere, forte soprattutto dell’identità di prodotto e della sua qualità, caratteristiche ormai consolidate poiché la brand awareness e la forte fedeltà dei suoi clienti sono ormai costanti.

NICHOLAS KIRKWOOD

NICOLAS KIRKWOOD, nato nel 1978, frequenta il Cordwainers College prima di lanciare la linea di calzature recante il suo nome nel 2005.

Le sue scarpe femminili, decisamente contemporanee, si ispirano all’architettura e usano materiali esotici.
Oltre alla propria collezione, disegna scarpe per Chloe’, Philip Lim e Zac Posen.

Il consiglio suo consiglio ai altri designer:
“Rimanete fedeli alla vostra visione originale. E dedicate quanta più energia – e tempo – possibile al progetto in cui credete”.

BRUNO MAGLI

BRUNO MAGLI

Bruno Magli fonda la sua azienda a Bologna nel 1936, ma diventa famoso solo negli anni cinquanta quando il “Made in Italy” diviene sinonimo di qualità’ e stile.

Le scarpe Bruno Magli sono state calzate da Sophia Loren, dalla principessa Margaret d’Inghilterra, da Christina Onassis, e da moltissimi altri volti fra i più noti del cinema e del jet set internazionale.

Oggi l’azienda non apartiene piu’ alla famiglia, ma nel 2005 ha aperto un museo con i modelli storici della Bruno Magli.

LA CAMPER

LA CAMPER, azienda spagnola di calzature fondata a Maiorca nel 1975 da Lorenzo Fluxa, la cui famiglia fa scarpe fin dal 1877.

LA CAMPER ( contadino in catalano) comincia producendo scarpe in tela con suole di gomma da pneumatici chiamate Chameleon, e adesso e’ specializzata in scarpe casual e sportive.
Alle fine degli anni novanta, l’azienda diventa leader internazionale nelle scarpe confortevoli.

ECCO

ECCO

Fondata nel 1963 da Birte e Karl Toosbuy, un calzolaio che un giorno decise di fondare la sua azienda di calzature a Bredebro, Danimarca.

La filosofia di ECCO? “La scarpa deve seguire il piede”.
ECCO è stata in grado di innovare i metodi di produzione, attraverso la creazione di scarpe comode: una rivoluzione che negli anni ’70 ha portato l’azienda al successo.

La ‪#‎Ecco‬ calzature cerca di mescolare design e tecnologia pediatrica. Le sue suole, ottenute con stampo a iniezione, sono flessibili, durature e anatomiche. Comodità e qualità: questi sono i due valori che ECCO promette e offre da 48 anni.

ALDO

ALDO

Nato in Francia, Aldo Bensadoun comincia la sua carriera nel 1972 come rivenditore di scarpe di alta moda dai prezzi accessibili, aprendo corner di calzature in una catena do boutique di moda canadese.

Il primo negozio ‪#‎Aldo‬ apre a Montreal e nel 1993 l’azienda conta 95 calzolerie in Canada. Nello stesso anno,Aldo inaugura il suo primo negozio americano, a Boston, e nel 1994 il suo primo negozio internazionale in Israele.

Aldo possiede ora 900 punti vendita e franchising nell’America del nord, in Europa, Australia, Medio ed Estremo Oriente.

 

BALDININI

BALDININI, e’ l’azienda italiana di calzature fondata nel 1910 a San Mauro Pascoli (Forlì’), sulla costa adriatica.

Gimmi Baldinini, nipote del fondatore, assume la direzione dell’azienda nel 1970. Il nome richiama per la prima volta l’attenzione internazionale nel 1974, quando l’azienda comincia a esportare mule fatte a mano che consolidano il marchio.

Il prezioso patrimonio si consolida attraverso due generazioni e l’attivo laboratorio che all’inizio crea i suoi articoli esclusivamente su misura, decolla allargando il suo raggio d’azione all’esterno del territorio locale fino ad estenderlo a livello nazionale.

ALDO BRUE'

ALDO BRUE’

Le radici della maison risalgono al 1946, quando, in un piccolo laboratorio delle Marche, Mariano Brue’ coltivava la sua passione per le calzature. Tale passione e’ stata ereditata dal figlio Aldo, che oggi e’ presidente e designer delle collezioni Brue’.

Nel 1968 viene costruita una fabbrica per espandere la produzione per l’export alla quale sono seguite prestigiose collaborazioni, con Les Copains, Giorgio Corregiari, Givenchy e Balenciaga. Negli anni novanta si creano una linea femminile e una casual chiamata Attiva.

Create con rigore e meticolosità’, sempre attenti alla scelta dei materiali e dei processi produttivi di qualità’, con l’aggiunta di soluzioni stilistiche innovative, le scarpe Brue’ si raccontano al mondo con un estro tipicamente italiano.

 

GIUSEPPE ZANOTTI

GIUSEPPE ZANOTTI.

‪#‎GiuseppeZanotti‬ nasce nel 1957 a San Mauro Pascoli (Forlì’) qui, sin da giovane, coltiverà’ la sua passione per la musica, l’arte e il design.

Più’ maturo si avvicina al mondo della moda, seguendo le sfilate tra Milano e Parigi e su queste passerella esploderà’ il suo sogno di diventare SHOES DESIGNER. Amante dei piedi femminili e forte di una cultura calzaturiera tipica della sua terra, Giuseppe inizia a lavorare come DESIGNER FREELANCE di calzature femminili.

Nel 1994 rileva il calzaturificio VICINI e inizia l’avventura da imprenditore. Poco dopo presenterà’ la prima collezione di scarpe a New York, con la fiducia dei buyer americani, riesce a coronare il suo sogno, realizzando e vendendo calzature originali e dalla manifattura artigianale di altissimo livello.

GIUSEPPE ZANOTTI collabora con marchi quali Balmain, Chrisopher Kane, Delfina Delettrez e Proenza Schouler.

ABCENSE

ABCENSE

#‎ABCENSE‬, fondata a Taipei dal due designers Jhuosan Wang e Yoyo Pan.

“Tutto è iniziato con la necessità di creare una scarpa che rappresenterebbe la perfetta fusione tra le calzature e il design. Vogliamo creare pezzi senza tempo che si adattano senza problemi alla vita di tutti i giorni.

La nostra collezione per la Primavera/Estate 2016 si basa sulla vista della riflessione immaginaria di te stesso, con una particolare attenzione ad infrangere le regole, rompendo l’idea di ‘vedere è credere’, un tentativo di colmare insieme realtà e immaginazione ”

FRANCIS BITONTI

FRANCIS BITONTI

E’ un designer di New York che in collaborazione con United Nude e 3D Systems ha lanciato la sua nuova collezione di scarpe ed accessori in 3D, MUTATIO.

Questo progetto e’ la speculazione sul consumismo di domani e ogni scarpa e’ il pezzo unico generato da un algoritmo creato dal designer.

La linea e’ composta da tanti pezzi unici con tacco stampato in 3D e poi placcato oro.

ROGER VIVIER

ROGER VIVIER, il Maestro delle scarpe.

Nasce a Parigi nel 1907,studia all’Ecole des Beaux Arts.
Nel 1953, inizia una collaborazione con Chrisitain Dior. Dopo dieci anni al servizio della maison Dior, decide di mettersi in proprio.

ROGER VIVIER é passato alla storia come l’inventore dello stiletto, che compare nel 1954.È stato, inoltre, un pioniere nell’elaborazione di tacchi delle più svariate forme: a piramide, a palla, a spillo, a conchiglia o ad arco e nell’uso di materiali come la lega d’alluminio leggera.

Il marchio e’ stato acquisito negli anni 2000 dal gruppo Della Valle, e grazie alla direzione artistica di Bruno Frisoni continua a rappresentare una delle massime espressioni nel mondo delle calzature e degli accessori di lusso. Infatti, oltre alle scarpe, la griffe produce borse e articoli di pelletteria.

MASCARO

MASCARO.

Creata a Ferreries (Minorca) nel 1918, la ‪#‎Mascaro‬ inizia come laboratorio per la confezione a mano di scarpette da ballo. Sotto la direzione del figlio del fondatore, Jamie Mascaro, l’azienda adotta metodi di lavorazione industriale per produrre normali calzature.

Negli anni ottanta, la Mascaro comincia ad aprire negozi, sopratutto in Spagna, Francia e Inghilterra. Lina e Ursula Mascaro, rappresentanti della terza generazione, assumono la direzione dell’azienda negli anni novanta per espandere i punti vendita nel mondo, compresi gli Stati Uniti.

Ursula disegna il marchio che porta il suo nome; gli altri marchi Mascaro sono Jaime Mascaro e Pretty Ballerinas.

CAOVILLA

CAOVILLA

Edoardo Caovilla decide di percorrere una strada a metà tra l’artigianale e la couture, avendo la visione e l’audacia di stupire il mondo con la sua creatività.
Vi presentiamo il Maison ‪#‎ReneCaovilla‬.

Negli anni Cinquanta il figlio René Fernando si concentra sulla fascia alta del mercato e con lo spirito di uno scultore di sofisticate calzature crea eleganti scarpe gioiello.

Negli anni Settanta nasceranno oggetti cult, con l’emblema “Valentino by René Caovilla”.Poi inizia la collaborazione con un’altra leggendaria maison, quella di Christian Dior, John Galliano e con Chanel.

Dal 2000, grazie al successo in continua crescita, la decisione di consolidare unicamente la propria collezione. Abili ricamatrici lavorano al prodotto con dedizione e amore per creare veri e propri oggetti d’arte, testimonianza pura del vero Made in Italy.

Nel 2004 viene aperta la prima boutique monomarca René Caovilla a Milano, a cui seguono Parigi, Roma, Venezia, Londra e il corner in La Rinascente Milano.

Dal 2010 l’ingresso del figlio Edoardo Caovilla in azienda a siglare la terza generazione ed il passaggio del marchio da una realtà più famigliare ad una più dinamica e strutturata.

MARIO VALENTINO

MARIO VALENTINO

Il padre di Mario Valentino, Vincenzo, faceva scarpe per Vittorio Emanuele II. Mario continua la tradizione familiare fondando la propria azienda calzaturiera a Napoli nel 1952.

A Valentino si riconosce il merito di aver reso popolare il tacco a spillo e i mocassini casual per donna.

Oggi l’azienda e’ diretta dal figlio di Mario, Vincenzo, e ha il suo quartier generale a Napoli, con uno showroom a Milano.

CLARKS

CLARKS

Questa azienda calzaturiera familiare, fondata nel 1825 come C.&J. Clarks, e’ diventata una delle più’ grandi dell’Inghilterra nel ventesimo secolo.

Nel 1949, Nathan Clark disegna uno stivaletto di camoscio con suola di para, battezzato Desert Boot, inspirandosi alle scarpe d’ordinanza degli ufficiali dell’esercito inglese. Il modello e’ stato uno dei più’ venduti dell’azienda negli anni cinquanta e ha costituito il prototipo delle scarpe da uomo comode.

La Clarks produce parecchi marchi: Indigo ( trendy), Privo (sportivo casual ) e Bostonian ( scarpe eleganti da uomo).

FRATELLI ROSSETTI

FRATELLI ROSSETTI

Renzo e Renato Rossetti fondano la Fratelli Rossetti nel 1953 a Parabiago (Milano).
Negli anni sessanta, diventano leader nel promuovere l’esportazione di calzature maschili italiane ( quelle femminili venivano esportate con successo fin dagli anni cinquanta).

Il vero successo arriva negli anni settanta, quando i fratelli trasferiscono l’abilita’ artigianale profusa nelle calzature maschili in una gamma di calzature femminili dal look sobrio.
Nello stesso periodo lanciano un mocassino foderato di tela, portabile senza calzini.

I tre figli di Renzo sviluppano il marchio rendendolo internazionale, con clienti come Tom Cruise, Paloma Picasso e Lauren Becall.

SANTONI

SANTONI

Fin dalla sua creazione nel 1975, Santoni persegue una visione, affinando un patrimonio culturale legato all’artigianalità e all’eccellenza italiana.

Nel tempo, si sono mantenute intatte le caratteristiche più preziose del puro Made in Italy: qualità, passione per il dettaglio, lavorazione rigorosamente fatta a mano.

Equilibrio tra la tradizione e l’innovazione è uno dei loro punti di forza, l’abilità di mantenere il savoir faire tramandato da generazioni coniugandolo con uno stile sempre contemporaneo e con la continua ricerca di nuovi materiali, forme, proporzioni.

CARLO PAZOLINI

CARLO PAZOLINI

Scarpe e borse Made in Italy prodotte e distribuite in 11 paesi del mondo da un’azienda russa, oggi con Lee Wood (per 15 anni stilista di Versace) come direttore creativo, scelto per posizionare il marchio nella fascia più’ alta del mercato.

Il marcio nasce nel 1991 quando Ilya Reznik apre in Russia il primo negozio di scarpe e accessori prodotte dai artigiani marchesi. Nel 2010 apre il primo negozio a Milano, seguito dalle aperture dei negozi a Roma, Venezia, Londra, Los Angeles e New York. Di grande importanza strategica diventa un accordo con gli outlet di Mc Arthur Glen, con il gruppo Coin e per l’ecommerce con Yoox.

Italia resta un mercato fondamentale per il marchio e la nomina di Lee Wood viene incaricato di definire l’identità stilistica del brand che crede che una scarpa deve far sognare una donna e sedurre il suo uomo..le occorrono perciò scarpe belle e funzionali per ogni occasione d’uso, dal mattino al week-end.

BARRETT

BARRETT.

Fondata nel 1917 e’ specializzata nella realizzazione di scarpe da uomo di lusso ed e’ una delle poche aziende che produce calzature di vero artigianato, realizzate rigorosamente a mano.