NEWS

Le scarpe vegane in pelle, realizzate con i funghi

Le sneaker Nat-2 x Zvunder hanno l'aspetto di una scarpa in cuoio, ma sono realizzate con uno speciale fungo e un panno in microfibra ottenuto da bottiglie di plastica riciclate

Anche una scarpa apparentemente di cuoio può essere assolutamente vegana e sostenibile. Prodotta dunque senza alcuna pelle animale, e utilizzando solo prodotti naturali o di recupero. A dimostrarcelo arriva la sneaker Nat-2 x Zvunder, progettata in Germania e realizzata in Italia: una scarpa informale dal design più che rispettabile, che vede tra i suoi principali materiali uno speciale cuoio ricavato dai funghi.

Il materiale in questione, come ricorda Designboom, è stato messo a punto dalla designer Nina Fabert di Zvunder e perfezionato dal team tecnico di Nat-2. L’elemento base è il fomes fomentarius, il fungo dell’esca, una specie non commestibile dal colore bruno rossastro che cresce sulle latifoglie. Il fungo viene coltivato, spelato e lavorato a mano, per ottenere una superficie simile alla pelle, con diverse possibili sfumature cromatiche da sfruttare per l’estetica della scarpa.

Il tutto è abbinato con spugna di eco-cotone, un panno in microfibra ottenuto da bottiglie di plastica riciclate, una suola interna fatta di sughero e una suola esterna di gomma naturale. Insomma, una vera e propria scarpa green, organica, vegana, gluten-free, chemical-free, antisettica e antibatterica. Il prezzo con cui debutterà sul mercato non è ancora stato rivelato.


Fonte: WIRED.it

 Possiamo aiutarti?