NEWS

Gli scarpini da calcio fatti per chi va veloce

L'azienda americana Nike ha presentato a Londra l'ultimo modello della serie Mercurial, un concentrato di tecnologia votato alla rapidità di movimenti

Londra – Realizzare la scarpa da calcio perfetta è l'ideale che spinge le aziende di settore a imboccare strade nuove, talvolta inedite, con la consapevolezza di riuscire difficilmente a soddisfare le tante e differenti esigenze dei clienti. Con i nuovi Mercurial, però, Nike sembra essere andata molto vicino al bersaglio grosso, almeno a sentire le reazioni entusiaste dei giocatori che hanno provato uno scarpino che, guardandolo da vicino, non ha per ora eguali tra gli altri modelli sul mercato. La società di Beaverton ha riunito alcuni dei più forti e popolari calciatori (e calciatrici) per togliere i veli alle Mercurial Superfly e Mercurial Vapor 360, scarpe da calcio che, per dirla con le parole di Cristiano Ronaldo, “calzano al piede come una seconda pelle”.

L'effetto che consente alla scarpa di avvolgere completamente il piede nasce dall'eliminazione della piastra d'appoggio, di norma legata al piede stesso, con la soletta che si unisce al telaio interno creato per ottenere un alto grado di reattività. “Con le precedenti Mercurial avevamo basato tutto sul numero 43, ora invece ogni numero ha un telaio unico progettato per allinearsi con la struttura ossea prevista e perciò la calzata è proporzionata a tutti i numeri di scarpe”, afferma Jeongwoo Lee, Senior Design Director di Nike Football. Il risultato finale è frutto di un lavoro di squadra che parte dalle richieste dei giocatori: “Ci muoviamo come gli investigatori privati poiché i calciatori non sanno dirci cosa vogliono in maniera specifica e circostanziata, così unendo le loro necessità con lo sviluppo del gioco arriviamo a individuare soluzioni innovative come la scarpa Mercurial 360”, ci spiega Max Blau, vicepresidente globale di Nike Football Footwear.

Max Blau, vicepresidente globale Nike Football Footwear, con i nuovi Mercurial 360 (foto: Alessio Caprodossi)

Un esempio della nuova concezione alla base della scarpa è la distribuzione dei tacchetti posizionati nell'avampiede e nel tallone, studiata per agevolare la trazione in velocità dei calciatori: “L'avampiede è costruito per accelerare in qualsiasi direzione, mentre i tacchetti del tallone aiutano il giocatore a bloccarsi di colpo”, commenta Lee nell'analizzare uno scarpino molto leggero, quanto morbido. Quest'ultimo aspetto è diretta conseguenza dei progressi della tecnologia All Conditions Control (ACC), che a differenza del passato qui è incorporata nei fili prima della lavorazione a maglia. Ciò ha permesso di eliminare la copertura aggiuntiva senza influenzare, assicura Blau, il beneficio della calzata in termini di prestazioni, arrivando così a una finitura opaca su una tomaia testurizzata che resta appunto morbida al tocco ma al contempo resistente agli agenti atmosferici.

La velocità è dunque al centro del progetto che ha portato sul palco londinese tanti assi del calcio internazionale: Alexis Sanchez del Manchester United, Eden Hazard del Chelsea, Emre Can del Liverpool, le calciatrici Lieke Martens, attaccante del Barcellona e dell'Olanda nominata miglior giocatrice Fifa 2017, e la nazionale statunitense Tobin Heath insieme a Neymar, la stella più luminosa che, attesa dalle decine di youtuber presenti all’evento con indosso la sua maglia del Paris Saint Germain, ha speso parole superlative sui nuovi scarpini (che indosserà per la prima volta nella sfida di Champions League contro il Real Madrid), prima di scomparire protetto dai bodyguard.

I testimonial di Nike Mercurial presenti alla presentazione di Londra: Alexis Sanchez, Lieke Martens, Emre Can, Neymar, Tobin Heath e Eden Hazard (foto: Nike)

Tornando ai Mercurial Superfly e Vapor 360, i modelli presentati spiccano non solo per forma e peso ma anche per un'estetica che integra un piccolo Swoosh sull'avampiede, la “M” in bella vista sul tallone e, soprattutto, per la tinta arancione: “Abbiamo considerato tante opzioni ma il colore arancione è quello che caratterizza gli oggetti spaziali in viaggio a tutta velocità fino all'impatto con la Terra o altri corpi celesti, quindi è perfetto per un prodotto nato per andare al massimo”, spiega Blau, aggiungendo che più avanti arriveranno sul mercato anche altre colorazioni. Disponibili da domani sullo store online Nike, le Mercurial Superfly saranno in vendita a 275 euro, 35 euro in più delle Vapor.

Le maglie che l’inghilterra indosserà al Mondiale in Russia (foto: Alessio Caprodossi)

Tra le altre novità presentate da Nike ci sono le divise che Inghilterra e Nigeria indosseranno al Mondiale estivo che si giocherà in Russia e i guanti Mercurial Touch Elite (disponibili da maggio), che sfruttano un polsino flessibile al posto del consueto cinturino semirigido che si estende dall'articolazione all'avambraccio inferiore per offrire maggiore mobilità e comfort, risultando perciò più leggeri e sottili rispetto al modello precedente. Arriveranno in autunno, invece, i parastinchi Mercurial Flylite SuperLock, privi di cinturini e manicotti ma bloccati in posizione dai piccoli spuntoni che perforano in sicurezza il calzino, mentre il Nike Merlin, il primo a integrare la tecnologia AAC per agevolare tocco e controllo su ogni campo e in tutte le condizioni atmosferiche, sarà il pallone ufficiale della prossima Serie A, Liga e Premier League.


Fonte: WIRED.it

 Possiamo aiutarti?