Ricerca speri: 7 Risultati


..sere divertente, che si può imparare divertendosi e non solo stando dietro i banchi di scuola come si fa di solito in Italia”. È proprio questa esperienza che porta Cagnina ad aprire la propria scuola, a 16 anni. “Inizialmente ero da sola”, spiega a Wired, “mentre oggi insieme al mio socio Francesco Baldassarre abbiamo una squadra di 10 insegnanti e offriamo corsi che spaziano dalla scuola materna alle superiori, fino al team building per le aziende e ai corsi per insegnanti”. Nella scuola non si usano né sedie né banchi (né si indossano scarpe), e i partecipanti diventano i protagonisti del processo di apprendimento, al centro della scena. Le richieste arrivano da tutta Europa (Parigi, Bruxelles, Lussemburgo,…) così come dagli Stati Uniti, a iniziare dalla Silicon Valley. Ma come funziona la scuola? “Il sistema di apprendimento è basa......

..ienne ci piace anche perché non dà peso alle relazioni sentimentali, ma se gli sceneggiatori dovessero concedere una storia d’amore a lieto fine, speriamo che sia tra Tormund e Brienne. 5. La sopravvivenza dei prediletti Per i seguaci di Il trono di spade, abituati a veder morire spesso e volentieri i personaggi a cui erano affezionati, l’ultima stagione segna un traguardo importante, legato alla sopravvivenza o meno delle figure più amate. George RR Martin, autore dei romanzi, è al pari di altri due autori iconici come il Joss Whedon di Buffy l’ammazzavampiri e lo Steven Moffat di Doctor Who e Sherlock, famoso per spezzare i cuori degli spettatori sterminando senza pietà protagonisti e non delle sue storie. Personaggi amatissimi come Robb Stark e Renly Baratheon, come Oberyn Martell e Khal Drogo (per non parlare del povero Hodor e dei metalup......

..su misura per sé, basata su altezza, peso e necessità atletiche”. United Armor non è l’unico marchio ad aver esplorato questa frontiera: hanno sperimentato le potenzialità della stampa tridimensionale anche Nike, Adidas e New Balance.  Sostenibilità e reshoring Resta una domanda: in un mondo che sta diventando sempre più consapevole, la produzione on demand è sostenibile dal punto di vista ambientale? “Certamente un sistema just in time unito al made-to-order basato su piccoli lotti può garantire una riduzione degli stock invenduti. Si tratta di una rivoluzione che va da una logica push a una logica pull, che parte quindi dalla concreta richiesta del mercato”, risponde Rinaldi. Il problema degli stock di invenduto è concreto per le case di moda. “È rifiuto non solo ciò che resta delle materie prime impiegate durante il processo produtti......

..o Albert Hoffman decise di ingerire deliberatamente 250 milligrammi della lsd che aveva da poco imparato a sintetizzare. Per la scienza, era deciso a sperimentare gli effetti del composto, che arrivarono mentre stava tornando a casa in bicicletta, da cui il nome della ricorrenza. Il dibattito sulle droghe, legalizzate o meno, è ora più attivo che mai. Il lockdown ha ovviamente influito sul loro consumo, per esempio con un aumento di domanda di cannabis light. Ma i soggetti più a rischio sono coloro che hanno sviluppato dipendenze. Secondo il dottor Riccardo Gatti, intervistato dalla Stampa, le droghe illegali sono più difficili da ottenere, ma a qualcuno mancano anche i soldi per quelle legali. In entrambi i casi non è possibile interrompere improvvisamente l’assunzione ed è difficile garantire a tutti l’assistenza necessaria. Anche a causa della lo......

..azionale, ma ha ormai raggiunto livelli evolutivi così alti e sorprendenti da poter co-firmare addirittura una collezione di moda. Il primo progetto sperimentale di questo tipo ha dato alla luce la speciale applicazione Fashion Flair, vedendo come autori di una capsule collection da un lato proprio l’A.I. a bordo dei top di gamma Huawei P30 e Huawei P30 Pro e dall’altro Anna Yang, la creative director e fondatrice del brand Annakiki ormai da cinque anni presenza stabile alla Fashion Week milanese. Il risultato è composto da venti outfit ispirati dall’A.I. e reso realtà dall’estro creativo e il talento umano, che hanno sfilato proprio a Milano davanti a esponenti del mondo moda e della tecnologia, celebrity e influencers con Aldo Coppola che è stato make-up artist e hair-stylist speciale. ......

Tela Blu, startup di abbigliamento di Torino, sperimenta una nuova formula di vendita di diretta. E' il cosiddetto v-commerce (Foto: Tela Blu) Con l’avvento di internet e dell’ecommerce le nostre abitudini di consumo sono cambiate. E di conseguenza sono cambiate le strategie di piccole e grandi aziende per raggiungere e fidelizzare i propri clienti. Secondo gli ultimi dati Istat sul settore del commercio, nell’ultimo anno sono calate ancora le vendite al dettaglio (sia nella grande distribuzione sia nei piccoli negozi), mentre continua a crescere l’e-commerce: + 2,4%. Uno dei settori maggiormente interessati è quello dell’abbigliamento. Secondo l’ultimo osservatorio ecommerce b2c del Politecnico di Milano, gli acquisti online nell’abbigliamento (capi di vestiario, scarpe e accessori) l’ann......

..avalli e Dolce & Gabbana. Nel 1990 decide di ampliare la collezione dedicata alla donna fino ad allora limitata a pochi pezzi di taglio maschile. La sperimentazione di nuove tecniche produttive portano l’azienda ad investire nella ricerca di nuovi materiali e di nuove tipologie di prodotto; un risultato concreto di questa filosofia è la linea #Paciotti 4US, una linea unisex dedicata allo sport ed al tempo libero. Oggi ci sono altri prodotti firmati Cesare Paciotti tra i quali una linea di gioielli realizzata in oro, argento e pietre preziose oltre ad una linea di occhiali....

 Possiamo aiutarti?